528 days, 95450 km and 24 countries. Around the world trip without flights was completed March 18, 2013. This is not a point of arrival but the beginning of a fairy tale that I will continue to tell around the world. After publishing VAGAMONDO i came back on the road. Photos, videos and stories of a free life dedicated to the travel.

venerdì 6 giugno 2014

02/06/2014 La Valle della Luna

Ultima notte in Sardegna, in una terra così stupenda non potevo concludere con uno dei luoghi più speciali che abbia visto in tutta la mia vita in un quarto di mondo, la Valle della Luna. Alcuni ospitali ragazzi del posto conosciuti durante la presentazione di Vagamondo, che ho realizzato a Santa Teresa di Gallura, mi hanno proposto di raggiungere in serata il punto più magico dove poter godere del tramonto nella valle in cui sono cresciuti. Così si arriva in questo paradiso che è capo Testa, la estrema punta nord della Sardegna. Percorriamo dei sentieri e poi si inizia a salire tra un tratto di bosco per arrivare ad a scalare rocce di granito antiche 300 milioni di anni che con l’erosione del vento e dell’acqua hanno preso forme straordinarie. Ci troviamo davanti alle bocche di Bonifacio e da queste parti solitamente tira un vento deciso ma oggi sembra concederci una breve tregua. Eccoci in cima al picco più alto della valle, attorno a noi un panorama a 360 gradi impressionante. La visibilità oggi è ottima e la Corsica si vede benissimo comprese le sue isolotte più difficili da riuscire a vedere cosi nitidamente. Poi un meraviglioso tramonto colora uno scenario da fiaba che rimango incantato davanti ad una tale bellezza. I ragazzi mi propongono di raggiungere una piccola grotta che si è formata appena sotto il picco. Dobbiamo prima affrontare una ripida parete rocciosa con un profondo dirupo sul lato, chi soffre di vertigini può rimanere paralizzato dalla paura. Ma una volta raggiunta la grotta l’entusiasmo è alle stelle e decido che sarà il letto della notte con il panorama più bello della mia vita.
Appena il sole scende i ragazzi tornano indietro ed io rimango li in solitaria a godere delle stupende sfumature che si creano sulle nuvole colorate post tramonto. Il rumore del mare e l’energia di questo luogo mi portano in estasi. Mi preparo un panino a base di pecorino e olive per cena. Ma rimango con gli occhi fissi davanti a questo straordinario spettacolo. Poi la notte, la luna nuova e il cielo stellato. Sdraiato sul granito cado nel mondo dei sogni. Il vento mi sveglia nel pieno della notte, riprendo ad osservare lo scenario stellare e decido di affrontare la ripida parete rocciosa per trovare un posto più riparato per dormire. Accendo la torcia posizionata sulla testa, mi metto a piedi nudi per avere appoggio migliore, siccome i miei sandali hanno la suola rigida e liscia, e supero il tratto pericoloso con lo zaino in spalle. Dopodichè Stendo il sacco pelo in una parte sabbiosa dietro alle rovine di una torre sulla vetta. Ora il cielo è aperto sopra i miei occhi ed è difficile dormire davanti ad un tale panorama, sembra già di essere nel mondo dei sogni. In fondo così è perché la mia vita è uno straordinario sogno. Arrivederci Sardegna, hai lasciato un segno indelebile. Sono sicuro ci rivedremo. Stasera prendo un traghetto che mi porterà a Genova. 

1 commento:

  1. ...le parole le ritrovo nei ricordi di una me ventenne in visita alla Valle....la foto sembra il tramonto sul Titikaka...insomma un post che vale una vita!!!

    RispondiElimina