Around the world trip without flights was completed March 18, 2013. But many new travel projects came and will come. Books, photos and videos of a free life dedicated to the knowledge of the amazing World where we are living.

domenica 26 gennaio 2020

Etna Therapy 2.0


Ecco che prende forma la seconda edizione di uno stimolante e ambizioso progetto nato dall'incontro di tre anime nomadi che, oltre alla loro gioiosa energia, condivideranno le loro conoscenze in diversi settori di natura olistica: Etna Therapy 2.0 🔥🕉🌏

Dopo la favolosa esperienza realizzata l'anno scorso, e le tante richieste ricevute, siamo tornati.

Nel meraviglioso contesto di una villa da sogno del ‘700 con piscina, ampio giardino tra alberi di avocado e mango, palme, piante di banane e una strepitosa vista sul maestoso vulcano Etna, si svolgeranno diverse attività benefiche per anima e corpo:

- Yoga
- Meditazione
- Danza contemporanea
- Contact improvisation
- Dialogo di orientamento

🌏 A queste attività verrà affiancato un CORSO DI FORMAZIONE PER VIAGGIATORI, frutto di tanti anni di esperienza in giro per il mondo.🌏

Carlo Taglia, noto come Vagamondo, dopo aver percorso, in solitaria, oltre 200.000 km via terra e mare attraverso tutti i continenti condividerà la sua preziosa esperienza in maniera approfondita. Non ci sarà solo una preparazione sul piano pratico e organizzativo, ma soprattutto un lavoro sulla parte psicologica per affrontare al meglio le difficoltà che possono venire fuori dalla solitudine, dai pericoli e dall'approccio con culture o religioni differenti. Naturalmente si darà un occhio di riguardo per la sicurezza delle donne. Carlo ha vissuto e lavorato in quasi tutti i continenti alternando una decina di mestieri diversi, nel corso condividerà anche utili informazioni sui vari lavori che si possono svolgere in viaggio per trasformare la propria esperienza in qualcosa di più che una vacanza. Sarà trattato il tema dell'autopubblicazione di libri per chi interessato a diventare scrittore ed editore indipendente.

⛰Inoltre nel già ricchissimo menù di questa settimana ci sarà una stupenda escursione sul suggestivo vulcano Etna! Uno dei vulcani più attivi al mondo e il più alto attivo in Europa.🌋

🌀Yoga & Meditazione🌀
Le lezioni saranno impostate da Jacopo Pennisi, il quale si è inoltrato nella ricerca interiore dapprima tramite la meditazione e successivamente approfondendo la conoscenza del Sè attraverso lo Yoga. Tale ricerca lo ha portato ad esplorare per diversi anni consecutivi l’India, dove ha studiato con molta dedizione Ashtanga Yoga. Durante il workshop Jacopo condividerà le sue conoscenze in maniera pratica con tecniche di meditazione, pranayama (controllo del respiro) ed un’introduzione all’Ashtanga Yoga. Dato che nella ricerca del Sè non esistono livelli, bensì esperienze differenti, la pratica verrà adattata in base all’esperienza di ciascun individuo.

🌀Danza contemporanea & Contact Improvisation🌀
Tutta la parte relativa al mondo della danza sarà gestita da uno strepitoso ballerino coreano di fama internazionale: Won Myeong. Spesso è in giro nei migliori teatri del mondo dove si esibisce con le sue performance di danza contemporanea da lui denominate "l'uomo armonico". Esse si basano sul nostro lato umano focalizzandosi su diverse emozioni. La sua pratica porta alla riscoperta di movimenti involontari e motivazioni dimenticate. Intrepido viaggiatore Won è praticante da oltre vent'anni e la sua esperienza lo ha portato a diventare insegnante di danza con corsi in diversi paesi e continenti.

🌀Dialogo di orientamento🌀
Infine Carlo Taglia, oltre al corso di formazione per viaggiatori di gruppo, darà ad ognuno dei partecipanti la possibilità di avere un dialogo privato di orientamento sul proprio progetto di vita o di viaggio. Metterà a disposizione la sua ricca esperienza, in cui ha viaggiato mezzo mondo oltre ad aver provato diverse pratiche spirituali, per supportare, o indirizzare, l'interessato in una nuova avventura nel mondo o in un nuovo cammino esistenziale. Un modo per approfondire i dubbi, le curiosità o le paure di ognuno dei partecipanti nella strada verso la propria realizzazione.

Insomma una settimana condita da tanta travolgente energia per permettere ai partecipanti di proseguire al meglio il proprio percorso di vita o semplicemente per prepararsi prima di un lungo viaggio nel mondo. Se siete interessati affrettatevi a scriverci perché ci sarà un numero chiuso con un massimo di venti persone e abbiamo già ricevuto molto interesse.


⛰Programma⛰
07:30 - 08:45 Yoga
09:30 - 10:30 colazione
11:00 - 12:00 contact improvisation
12:30 - 13:30 pranzo
13:30 - 15:30 riposo e piscina
15:30 - 17:00 danza contemporanea
17:00 - 18:00 riposo e piscina
18:00 - 18.30 meditazione
19:00 - 20:00 cena
20:30 - 22:00 formazione viaggiatori

*dialogo di orientamento a disposizione per ciascun partecipante durante il corso del ritiro.


Etna Therapy 2.0 si terrà dal 22 al 28 giugno nella villa Femminamorta a Carruba, provincia di Catania, in Sicilia. I tre pasti quotidiani saranno vegetariani e saranno serviti da un cuoco che utilizzerà principalmente prodotti biologici e km 0.

Elenco di tutto ciò che comprendono le tariffe:

- Soggiorno in una stupenda villa del ‘700 con piscina tra palme, alberi di avocado, piante di banane e manghi per 6 notti.
- Colazione, pranzo e cena con menù vegetariano per 6 giorni.
- Pratica di yoga, meditazione, danza contemporanea, contact improvisation e corso di formazione per viaggiatori con vari insegnanti specializzati per 5 giorni.
- Il dialogo privato di orientamento
- Escursione sul vulcano Etna con trasporto e guida vulcanologica inclusi.

Richiesta di iscrizione da inviare alla mail carlo.taglia.viaggi@gmail.com indicando nome, cognome, data di nascita e la motivazione per l'interesse a questa esperienza.
Nel caso di disponibilità per procedere dovrai pagare un acconto del 30% sul costo totale. L'acconto è rimborsabile solo se si trova un sostituto.

Grazie e Buona Vita.

sabato 25 gennaio 2020

Quel primo passo, la cruda storia di Vagamondo / That first step, the raw story of Vagamondo


Con lacrime di gioia infinita negli occhi posso finalmente annunciare al mondo la nascita del mio libro autobiografico “Quel primo passo, la cruda storia di Vagamondo”:

Molti vorrebbero cambiare vita, ma pochi riescono a farlo. Non è facile spezzare le catene della paura e compiere quel primo e solitario passo controcorrente. Uscire dagli schemi sociali del modello di vita che ci insegnano non è facile, ma a volte è fondamentale per la sopravvivenza. In questa cruda autobiografia racconto come sono riuscito ad arrivare a compiere quel tanto agognato passo per uscire da un buco nero adolescenziale fatto di tossicodipendenza, violenza, criminalità e prostituzione. Descrivo l’abisso di rabbia e inquietudine in cui mi trovavo negli anni in cui mi sono perso nel marcio dei problemi di una grande città. Approfondisco argomenti tabù come le droghe, attraverso la testimonianza di chi ne ha abusato per tanti anni. Racconto il viaggio solitario come terapia dopo l’ennesima overdose, appena ventenne. Lo strazio interiore per trovare un po’ di pace, con diverse ricadute dolorose. Condivido la devastante, ma illuminante, esperienza della malattia e della morte di mia madre. Da questo dolore è nata una potente scintilla di vitalità, e amor proprio, che mi ha spinto verso una profonda rivoluzione interiore, che mi ha portato a riuscire a trasformare la mia esistenza in una straordinaria favola senza fine. Percorrendo 200.000 km attraverso tutti i continenti, senza prendere aerei, ho trovato la mia missione sociale: cerco di avvicinarmi a chi vive tenebre simili a quelle del mio passato, per trascinarli qui fuori, a respirare un po’ di armonia e amore per la vita.

"Quel primo passo, la cruda storia di Vagamondo" disponibile su amzn.to/2Gf5DG0

Foto copertina di Nicolò Taglia

With tears of infinite joy in the eyes I can finally announce to the world the birth of my autobiographical book "That first step, the brutal story of Vagamondo":

Many would like to change their lives, but few manage to do so. It is not easy to break the chains of fear and take that first and lonely step against the current. Getting out of the social patterns of the life model they teach us is not easy, but sometimes it is fundamental for survival. In this crude autobiography, I tell how I managed to take that much-needed step to get out of a teenage black hole made of drug addiction, violence, crime and prostitution. I describe the abyss of anger and restlessness in which I found myself in the years when I got lost in the problems of a big city. I delve into taboo subjects such as drugs, through the testimony of those who have abused them for many years. I tell the lonely journey as therapy after yet another overdose, just twenty years old. The inner agony to find some peace, with several painful relapses. I share the devastating but illuminating experience of my mother's illness and death. From this pain was born a powerful spark of vitality, and self-love, which pushed me towards a deep inner revolution, which led me to be able to transform my existence into an extraordinary endless tale. Traveling 200,000 km across all continents, without taking planes, I found my social mission: I try to get closer to those who live in darkness similar to that of my past, to drag them out here, to breathe a little harmony and love for life.

English version coming soon.

lunedì 6 gennaio 2020

I 5 più avventurosi viaggia senza aerei / The top 5 most adventurous travels without flying


Dopo aver appena terminato la traversata dell’Amazzonia via fiume, ecco i cinque più avventurosi, e non unici, viaggi senza aerei della mia vita:

1) 95.450 km Nepal, India, Sri Lanka, Malesia, Thailandia, Laos, Cambogia, Vietnam, Cina, Corea del Sud, Colombia, Ecuador, Perù, Bolivia, Cile, Argentina, Brasile, Spagna, Francia, Belgio, Germania, Polonia, Ucraina e Russia.
2) 36.000 km Sudafrica, Namibia, Botswana, Zimbabwe, Malawi, Tanzania, Uganda, Kenya, Etiopia, Sudan, Egitto, Israele, Palestina, Italia, Svizzera, Germania, Svezia, Finlandia e Norvegia.
3) 12.000 km Messico, Belize, Guatemala, El Salvador, Honduras, Nicaragua, Costa Rica e Panama.
4) 7.000 km Italia, Slovenia, Croazia, Bosnia, Serbia, Macedonia, Grecia, Turchia.
5) 5.000 km Perù, Colombia e Brasile via fiume nella foresta amazzonica.

Altri Paesi viaggiati via terra in altri viaggi: Portogallo, Olanda, Lussemburgo, Marocco, Vaticano, Andorra, Ungheria, Romania, Austria, Slovacchia, Lituania, Lettonia, Estonia, Repubblica Ceca, Liechtenstein

Paesi che ho raggiunto via aerea, quindi senza toccare altri Paesi via terra: Stati Uniti, Australia, Giappone, Myanmar, Inghilterra, Irlanda, Irlanda del Nord, Indonesia, Pakistan, Senegal e Bangladesh.

Quando vedete una mia foto non potrete mai veramente cogliere la fatica e la gioia che ci stanno dietro. Giorni, settimane, mesi o anni di viaggi su mezzi sgangherati di ogni genere. Diverse di quelle migliaia di chilometri sono avvenute in autostop attraverso anche infiniti deserti in cui ho dormito in tenda o come capitava sotto cieli stellati da sogno. Ma sapete in questi anni ho imparato una cosa: più ardua è la salita e più sarà incantevole il panorama una volta in cima alla montagna. Così nel viaggio come nella vita. Chi si muove a piedi o in bici lo ha provato in maniera ancora più intensa alla mia, un grande applauso per questi viaggiatori. Quando osservate le foto di viaggio ricordatevi questo semplice, ma enorme, dettaglio sul percorso per arrivare a quel paesaggio.

After having just completed the crossing of the Amazon by river, here are the five most adventurous, and not unique, travels without flying of my life:

1) 95,450 km Nepal, India, Sri Lanka, Malaysia, Thailand, Laos, Cambodia, Vietnam, China, South Korea, Colombia, Ecuador, Peru, Bolivia, Chile, Argentina, Brazil, Spain, France, Belgium, Germany, Poland , Ukraine and Russia.
2) 36,000 km South Africa, Namibia, Botswana, Zimbabwe, Malawi, Tanzania, Uganda, Kenya, Ethiopia, Sudan, Egypt, Israel, Palestine, Italy, Switzerland, Germany, Sweden, Finland and Norway.
3) 12,000 km Mexico, Belize, Guatemala, El Salvador, Honduras, Nicaragua, Costa Rica and Panama.
4) 7.000 km Italy, Slovenia, Croatia, Bosnia, Serbia, Macedonia, Greece, Turkey.
5) 5,000 km Peru, Colombia and Brazil by river in the Amazon rainforest.

Other countries traveled by land on other trips: Portugal, Holland, Luxembourg, Morocco, Vatican, Andorra, Hungary, Romania, Austria, Slovakia, Lithuania, Latvia, Estonia, Czech Republic, Liechtenstein

Countries that I reached flying, therefore without touching other countries by land: the United States, Australia, Japan, Myanmar, England, Ireland, Northern Ireland, Indonesia, Pakistan, Senegal and Bangladesh.

When you see a picture of me you can never truly grasp the effort and joy behind it. Days, weeks, months or years of travel on ramshackle transports of all kinds. Several of those thousands of kilometers were by hitchhiking through infinite deserts where I slept in a tent or whatever under dreamy starry skies. But i have to tell you that in recent years I have learned one thing: the more difficult the climb, the more enchanting the view will be once on top of the mountain. So in travel as in life. Those who move on foot or by bike have experienced it even more intensely than mine, a great applause for these travelers. When you look at the travel photos remember this simple, but huge, detail on the path to get to that landscape.

giovedì 2 gennaio 2020

2020, che bello essere ancora qua / 2020, so nice to be still here


Sono sbarcato nell'anno 2020, che gioia essere ancora qua!!

L’ultima serata del 2019 l'ho trascorsa in ostello dove tra vari viaggiatori abbiamo fatto una cena comune. Ho cucinato un’insalata di pasta e sono l'unico che è rimasto astemio nella serata. Quindici minuti prima della mezzanotte il gruppo è uscito per andare a vedere i fuochi d’artificio in spiaggia. Io sono rimasto solo in silenzio e al buio in camera a meditare ed esprimere la mia gratitudine di essere ancora vivo. Qualcosa che faccio spesso, non solo a Capodanno.

Il mattino del primo giorno dell'anno ho deciso di fare una lunga passeggiata sulla splendida costa e la scogliera di Jericoacoara. Sotto un sole equatoriale potente ho camminato a piedi scalzi godendo di paesaggi marittimi da favola, tra varie forme di cactus e rocce rosse fuoco. Ne ho approfittato per raccogliere un po’ di spazzatura tra bottiglie di plastica o lattine di birra che ho trovato sul cammino. Poi ho avuto la grande gioia di incontrare un serpente, il mio spirito guida che mi sono tatuato sulla faccia. Un simbolo principale per tante straordinarie culture indigene del mondo. Rappresenta la conoscenza, la creatività, la vita e l'energia sessuale. Per me incontrarne uno proprio al primo giorno di un anno nuovo è uno stupendo segno divino. Mi dà la conferma che sono sul percorso giusto e che devo continuare a seguire il mio intuito.

Ho trovato una spiaggia paradisiaca e desertica così mi sono tuffato nel mare blu con un entusiasmo travolgente. Poi mi sono seduto nell'unico punto d'ombra dietro ad uno scoglio e sono entrato in una profonda meditazione. Ho avvertito una potente connessione con la natura attorno dimenticando la mia dimensione umana. Sono diventato parte del vento che dipingeva le onde del mare, una grande pace mi ha avvolto l'anima. Mi sono sciolto nella brezza marina. Ho riaperto gli occhi dopo mezz’ora commosso dalla bellezza di tutto ciò che mi circondava.

Non poteva iniziare meglio questo nuovo anno. Sono in uno stato fisico, mentale e spirituale straordinario. Sento che nel 2020 accadranno cose meravigliose e io voglio arrivarci con una grande energia per permettere a questi nuovi progetti di splendere. Che bello essere ancora in vita e poter sognare ad occhi aperti.

I landed in 2020, what a joy to be still here !!

I spent the last evening of 2019 in a hostel where we had a dinner among various travelers. I cooked a pasta salad and I am the only one who remained teetotaler in the evening. Fifteen minutes before midnight the group left to go and see the fireworks on the beach. I was alone in silence and in the dark in my room to meditate and express my gratitude for being still alive. Something I do often, not just on New Year's Eve.

On the morning of the first day of the year I decided to take a long walk on the splendid coast and the cliff of Jericoacoara. Under a powerful equatorial sun I walked barefoot enjoying fabulous maritime landscapes, among various forms of cactus and fiery red rocks. I took the opportunity to collect some rubbish among plastic bottles or beer cans that I found on the way. Then I had the great joy of meeting a snake, my guiding spirit that I tattooed on my face. A main symbol for many extraordinary indigenous cultures of the world. It represents knowledge, creativity, life and sexual energy. For me, meeting one right on the first day of a new year is a wonderful divine sign. It gives me confirmation that I am on the right path and that I must continue to follow my intuition.

I found a paradise and desert beach so I dived into the blue sea with overwhelming enthusiasm. Then I sat in the only shadow spot behind a rock and entered a deep meditation. I felt a powerful connection with the nature around forgetting my human dimension. I became part of the wind that painted the waves of the sea, a great peace enveloped my soul. I melted in the sea breeze. I reopened my eyes after half an hour moved by the beauty of everything around me.

It couldn't have started this new year better. I am in an amazing physical, mental and spiritual state. I feel that wonderful things will happen in 2020 and I want to get there with great energy to allow these new projects to shine. How nice to be still alive and to be able to daydream.

giovedì 26 dicembre 2019

Nuovi progetti per il 2020 / New projects for 2020


(English below)

Il 2019 non è stato un anno facile, mai avevo perso così tanti amici nello stesso anno. Ho pure riassaporato una forte irrequietezza che non avvertivo da anni. Ma se è successo è solo perché, in un momento di serenità, ho abbassato la guardia e permesso a situazioni del passato di ripetersi. Non tutto il male viene per nuocere, anzi proprio nella sofferenza si celano le mosse più straordinarie di un essere umano, se c’è dietro una profonda introspezione. Così ho fatto tesoro di tutte le intense esperienze di questo anno per arrivare a questi favolosi ultimi quattro mesi di rinascita.

Mi sono tuffato nella scrittura della mia autobiografia in cui ho spalancato l’armadio in cui tenevo gli scheletri e li ho portati fuori a danzare assieme a me. Ho scavato negli abissi più scuri del mio passato per illuminarli nella speranza che potranno ispirare tanti altri che stanno vivendo situazioni simili. Entro due mesi prenderà vita questo prezioso testo che sarà forte, crudo e, a tratti per qualcuno, sconvolgente ma sarà la più potente forma di liberazione che forse potrò provare nella vita.

Il 2020 inizia una nuova decade e una nuova era, tutto coincide perfettamente. Dopo questi 15 anni di viaggi per il mondo in cui mi sono focalizzato soprattutto su me stesso, per curarmi e guarire da un male che mi stava soffocando, voglio dedicarmi sempre più agli altri. Mi sento guarito, realizzato e ho già avuto troppo dalla vita nei miei sogni personali. E’ ora di renderli più comuni. Questo libro sarà un gran passo in quella direzione, sarà una pietra scagliata nell’inquinato lago di una società moderna malata dove tanti argomenti tabù, tra cui droga e sesso, vanno assolutamente affrontati in maniera diversa, soprattutto nelle scuole.

L’altro passo importantissimo per me sarà la ricerca di una terra in Toscana dove vorrei creare un ecovillaggio basato sulla permacultura. Vorrei dare vita ad una comunità dove si potranno sviluppare progetti agricoli, artistici, culturali e olistici. Una base dove sviluppare tutte le meravigliose arti e pratiche assorbite dalle culture di mezzo mondo in questi anni di viaggio. Un luogo dove ci possiamo prendere cura della terra mentre la terra si prenderà cura di noi. Dove amici e fratelli con talenti particolari potranno esprimerli con altra gente. Sarà la nostra piccola rivoluzione per un bene comune.

Il ricordo più bello del 2019 è stato Etna Therapy (foto), il ritiro che ho organizzato, con un amico, in Sicilia dove a pratiche come lo yoga, i massaggi e la danza contemporanea abbiamo aggiunto un inedito corso di formazione per viaggiatori. La gioia dei visi sorridenti dei 23 partecipanti è la più grande ricchezza che mi porto dentro di questo anno ed è un seme che mi ha portato a prendere questa decisione della terra. Ho voglia di mettere su famiglia e sarà la gente che farà parte della comunità. Questi 15 giorni di cura e purificazione con la tribù degli Shipibo, in Amazzonia, mi hanno dato una nuova ninfa vitale. Sono pronto per questo favoloso anno nuovo alle porte.

Ma ora concludo in bellezza con questo avventuroso viaggio da Lima a Belem attraversando tutta l’Amazzonia via fiume.

2019 was not an easy year, never had lost so many friends in the same year. I also tipped a strong restlessness that i didn't feel for years. But if it happened is just because, at a time of harmony, I lowered the guard and allowed to the past situations to repeat. Not all evil comes to harm, indeed in the suffering, the most extraordinary moves of a human being, there is behind a deep introspection. So I made treasure of all intense experiences of this year to get these fabulous last four months of rebirth.

I dip into the writing of my autobiography in which I widened the wardrobe I kept the skeletons and took them out to dance together with me. I dug into the darkest abyssions of my past to illuminate them in the hope that they can inspire many others who are living similar situations. Within two months, this precious text will be liable that will be strong, raw and, for someone, upsetting but will be the most powerful form of liberation that maybe I can try in life. The 2020 begins a new decade and a new era, all coincides perfectly. After these 15 years of travel to the world I focused above all on myself, to care and heal from a bad thing he was stifling me, I want to devise me more and more to others. I feel healed, made and I've had too much from life in my personal dreams. It's now to make them more common. This book will be a great step in that direction, it will be a stone into the polluted lake of a modern sick society where many taboo arguments, including drugs and sex, need absolutely to be treated differently, especially in schools.

The other important step for me will be the search for an land in Tuscany where I would like to create an ecovillage basedon permaculture. I would like to give birth to a community where we can develop agricultural, artistic, cultural and holistic projects. A base where to develop all the wonderful arts and practices absorbed in half world's cultures in these years of travel. A place where we can take care of the earth while the earth will take care of us. Where friends and brothers with particular talents can express themselves with other people. It will be our new small revolution for a common good.

The most beautiful memory of 2019 was Etna Therapy (photo), the retreat I organized, with a friend, in Sicily where to practices as yoga, massages and contemporary dance we have added a new travel school.The joy of the smiling faces of the 23 participants is the largest wealth that i carry within this year and is a seed that took me to take this decision of the land. I want to put on family and will be the people who will be part of the community. These 15 days of medicine and purification with the Shipibo tribe, in the Amazon, have given me a new vital lymph. I'm ready for this fabulous new year to the doors.

But now ending in beauty with this adventurous trip from Lima to Belem throughout the Amazonia rivers.

giovedì 2 maggio 2019

I terroristi sono i nostri governi e chi li manovra


In molti si sono preoccupati per il mio viaggio in questo Paese. Non solo per i suoi conflitti interni, ma anche per la vicinanza con la Libia e per la cultura islamica. Alcuni pensano che questa sia terra anche di terroristi. In Sudan passano molti immigrati diretti verso le coste del Mediterraneo in cerca di speranza e siccome dall’Africa mi sto avvicinando al Medio Oriente ci tenevo a fare chiarezza su cosa veramente stia accadendo da queste parti. Vorrei trattare un argomento che mi sta molto a cuore: l’immigrazione. Molti sono convinti che le colonie siano finite ormai da tanti anni, ma non è assolutamente vero, perché il neocolonialismo è più vasto di quanto possiamo immaginare. Tanti, troppi Paesi africani dipendono economicamente da altri, europei soprattutto. Se controlli l’economia controlli la politica, questo lo sanno benissimo le banche che ormai governano il mondo. In Africa non solo la Cina esercita un forte potere politico, ma anche la Francia, che in fin dei conti non ha mai completamente reso libere le sue ex-colonie. Ci sono ben quattordici Stati in Africa che utilizzano ancora come moneta il CFA, il “franco centro africano”: Camerun, Ciad, Gabon, Guinea Equatoriale, Repubblica Centrafricana, Repubblica del Congo, Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Guinea Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo. Tutte ex-colonie francesi, tranne Guinea Equatoriale e Guinea Bissau: la prima spagnola e la seconda portoghese. Questi Paesi non hanno alcuna libertà economica, non hanno libertà di poter commerciare tra loro, le loro monete vengono anche materialmente prodotte in Francia (cioè in Unione Europea); le loro banche centrali, le loro istituzioni economiche e finanziarie devono ancora oggi prevedere la presenza di un rappresentante francese con diritto di veto.

Il franco CFA nacque nel 1945 con gli accordi di Bretton Woods. All’epoca si chiamava “franco delle colonie francesi africane”. Successivamente, nel 1958, cambiò nome e diventò “franco della comunità francese dell’Africa”. Il franco CFA è una moneta ancorata a un cambio fisso, prima con il franco francese e oggi con l’euro. La piena convertibilità del franco CFA è garantita dal Ministero del Tesoro francese, che però chiede il deposito, presso un conto del Ministero stesso, del 65% delle riserve estere dei Paesi aderenti all’unione monetaria. Dietro queste due ultime regole si cela lo spettro demoniaco del colonialismo. Infatti il cambio fisso azzera il rischio di cambio per gli investimenti delle multinazionali occidentali nel Paesi dell’unione monetaria. Non solo: il cambio fisso favorisce l’accumulo nei forzieri delle banche occidentali di immensi tesori, frutto della corruzione dei governanti locali. Tutto questo avviene a scapito dell’economia reale locale, soffocata dalla rigidità del cambio con una moneta fortissima come l’euro. Per di più, l’obbligo fatto agli Stati interessati di depositare il 65% delle loro riserve di cambio presso il Tesoro francese priva alcuni fra i Paesi più poveri del mondo delle loro preziose risorse. Di fatto, questi Paesi si trovano obbligati a prendere prestiti presso delle istituzioni finanziarie internazionali a condizioni estremamente dure. Nella storia, da Lumumba (ex primo ministro della Repubblica Democratica del Congo) a Sankara (primo presidente del Burkina Faso), fino a Laurent Gbagbo (ex presidente della Costa d’Avorio) sette anni fa, chiunque abbia provato a liberarsi da questo giogo economico ha pagato con la vita, la sua o quella della gente del suo Paese.

Merci e capitali dell’Africa Centrale e Occidentale devono passare per Parigi e Francoforte. Gli esseri umani ovviamente no: a loro tocca morire nel deserto o nel Mediterraneo. Questo spiega il concetto di “aiutarli a casa loro” da parte dell’Europa. Così come in Nord Africa e in Medio Oriente. Proprio in questi giorni è venuta fuori la notizia di finanziamenti illeciti tramite i quali Gheddafi nel 2007 ha finanziato la campagna elettorale proprio di Sarkozy, ex premier francese. Come tutti sappiamo, nel 2011 la Francia di Nicolas Sarkozy ha spinto per l’attacco alla Libia, che avrebbe poi accelerato il rovesciamento del regime di Gheddafi. Forse non si sapranno mai i veri motivi che hanno portato alla decisione, da parte dell’ex presidente francese, di attuare i bombardamenti contro la Libia: dalla continuazione dei rapporti privilegiati con l’Italia, alla prospettiva di una nuova moneta panafricana per sostituire il franco CFA, fino all’attivismo libico nelle ex-colonie francesi, lì dove Tripoli stava di fatto creando una propria sfera di influenza. Quel che è certo, però, è che è stato proprio Sarkozy a spingere per l’intervento NATO non appena si è iniziato a parlare di “primavera araba” anche in Libia, trasformando l’inquilino dell’Eliseo da partner di Gheddafi a suo carnefice. Ora la Libia vive ancora una terribile guerra civile.

Poi potrei anche raccontarvi la situazione attuale in Siria, dove oltre alla guerra siriana sta avvenendo la pulizia etnica da parte del dittatore turco Erdogan nei confronti dei curdi. Gli stessi che stavano lottando contro Daesh (lo Stato Islamico), in teoria facendo un favore anche a noi. In questi giorni le truppe di Ankara assieme alle forze siriane alleate, soldati riciclati da Daesh, hanno conquistato Afrin, centro dell’enclave curda. Sta avvenendo un imponente e disperato esodo umano di migranti che non sanno più dove andare perché Erdogan minaccia di cacciarli anche dalla roccaforte siriana Kobane e di intervenire pure in Iraq. Cosa fa l’Europa? Non solo se ne lava le mani, ma addirittura finanzia tre miliardi di euro a questo folle genocida per bloccare il flusso di migranti siriani verso il nostro continente. Insomma, noi paghiamo la Turchia per tenere a bada i profughi mentre le truppe turche, alleate di terroristi, ne creano altri. Gli Stati Uniti non muovono un dito contro Erdogan perché hanno delle basi militari importanti in quel Paese e per loro rappresenta un alleato prezioso. Come al solito, tutto ruota attorno agli interessi. A nessuno importa di gente disperata e di bambini ammazzati crudelmente, gente che scappa dall’ennesimo conflitto che sta avvenendo per gli interessi economici di Europa e Stati Uniti, perché Bashar al-Assad è un altro governante che non vuole sottostare al potere occidentale. Molti media strumentalizzano l’informazione raccontando le ennesime menzogne dell’Occidente, così come già successo per Gheddafi e per Saddam Hussein. Tanto poi al massimo, dopo qualche anno, si può sempre raccontare di aver scoperto che non era proprio andata come era stata raccontata. Ma la storia si ripete spesso e così accadrà pure domani. Lasciamoli fare, il conflitto siriano dura da sette anni, finché non tocca direttamente noi che ci frega, no?

Quello che vorrei spiegare a tutti gli europei, gli stessi che poi quando capita un attentato terroristico da noi cadono dal pero, è questo: noi abbiamo gravi responsabilità sulla disperazione dei migranti. I governi che votiamo sono i veri terroristi che stanno stuprando il mondo. O, semplicemente, sono dei burattini di lobby, banche e multinazionali. Il nostro benessere economico deriva dallo sfruttamento delle risorse dei Paesi dall’altro lato del Mediterraneo. La sopravvivenza economica dell’euro deriva anche dal CFA e dal potere che esercita su molti Stati africani. Quindi come minimo dobbiamo aprire le frontiere e accogliere tutti gli esseri umani che scappano dalle conseguenze dell’avidità e della sete di potere del mondo occidentale! Il fatto che siamo nati su questa fetta di terra non la rende nostra. Il mondo non ha confini: sono solo creazioni della mente dell’uomo. Siamo tutti figli di antenati che sono emigrati dove siamo nati per sfuggire a guerre o per crearsi una vita migliore. Rifiutare di permettere ad altri di farlo lasciandoli morire di fame o in guerra è come uccidere i nostri antenati. Il nostro silenzio o menefreghismo sta ammazzando più persone delle bombe stesse.

Testo del 22/02/2018 tratto dal libro "Vagamondo 3.0, dal Capo di Buona Speranza a Capo Nord senza staccare i piedi da terra" disponibile su www.amazon.it/Vagamondo-3-0-Buona-Speranza-staccare/dp/1717071074

INFO UTILI:

- Puoi seguirmi su Instagram:
www.instagram.com/vagamondo3/

- Puoi seguirmi anche sul profilo Facebook: www.facebook.com/Vagamondo.Pirata
o sulla Pagina: www.facebook.com/Girovagandoilmondo/

- Se ti interessa conoscere meglio la mia storia, dall’inizio, puoi leggere il mio primo libro autobiografico “Vagamondo, il giro del mondo senza aerei” che riguarda i viaggi dal 2005 al 2013 ed è disponibile su www.amazon.it/Vagamondo-Giro-Mondo-Senza-Aerei/dp/1517156092

- “Vagamondo 2.0, Centro America via terra e tre anni di Esperienza” riguarda le avventure di viaggio tra il 2013 e il 2017 ed è disponibile su www.amazon.it/Vagamondo-2-0-Centro-America-Esperienza/dp/1544618913

- “La Fabbrica del Viaggio, il sintetico manuale del Vagamondo”, adatto per chi è alle prime armi con il viaggio, è disponibile su www.amazon.it/gp/product/1523747218

- La versione in inglese di Vagamondo è disponibile in tutti gli Amazon store. Cercare "Vagamondo, around the world without flying"

martedì 15 gennaio 2019

Etna Therapy


Ecco che prende forma un nuovo stimolante e ambizioso progetto nato dall'incontro di tre anime nomadi che, oltre alla loro gioiosa energia, condivideranno le loro conoscenze in diversi settori di natura olistica:
Etna Therapy 🔥🕉🌏

Nel meraviglioso contesto di una villa da sogno del ‘700 con piscina, ampio giardino tra alberi di avocado e mango, palme, piante di banane e una strepitosa vista sul maestoso vulcano Etna, si svolgeranno diverse attività benefiche per anima e corpo:

- Yoga
- Massaggio thailandese
- Meditazione
- Danza contemporanea
- Contact improvisation.

🌏 A queste attività verrà affiancato un inedito CORSO DI FORMAZIONE PER VIAGGIATORI, frutto di tanti anni di esperienza in giro per il mondo.🌏

Carlo Taglia, noto come Vagamondo, dopo aver percorso, in solitaria, oltre 200.000 km via terra e mare attraverso tutti i continenti condividerà la sua preziosa esperienza in maniera approfondita. Non ci sarà solo una preparazione sul piano pratico e organizzativo, ma soprattutto un lavoro sulla parte psicologica per affrontare al meglio le difficoltà che possono venire fuori dalla solitudine, dai pericoli e dall'approccio con culture o religioni differenti. Naturalmente si darà un occhio di riguardo per la sicurezza delle donne. Carlo ha vissuto e lavorato in quasi tutti i continenti alternando una decina di mestieri diversi, nel corso condividerà anche utili informazioni sui vari lavori che si possono svolgere in viaggio per trasformare la propria esperienza in qualcosa di più che una vacanza. Sarà trattato il tema dell'autopubblicazione di libri per chi interessato a diventare scrittore ed editore indipendente.

⛰Inoltre nel già ricchissimo menù di questa settimana ci sarà una stupenda escursione sul suggestivo vulcano Etna!  Uno dei vulcani più attivi al mondo e il più alto attivo in Europa.🌋

🌀Yoga & Meditazione🌀
Le lezioni saranno impostate da Jacopo Pennisi, il quale si è inoltrato nella ricerca interiore dapprima tramite la meditazione e successivamente approfondendo la conoscenza del Sè attraverso lo Yoga. Tale ricerca lo ha portato ad esplorare per diversi anni consecutivi l’India, dove ha studiato con molta dedizione Ashtanga Yoga. Durante il workshop Jacopo condividerà le sue conoscenze in maniera pratica con tecniche di meditazione, pranayama (controllo del respiro) ed un’introduzione all’Ashtanga Yoga. Dato che nella ricerca del Sè non esistono livelli, bensì esperienze differenti, la pratica verrà adattata in base all’esperienza di ciascun individuo.

🌀Danza contemporanea & Contact Improvisation🌀
Tutta la parte relativa al mondo della danza sarà gestita da uno strepitoso ballerino coreano di fama internazionale: Won Myeong. Spesso è in giro nei migliori teatri del mondo dove si esibisce con le sue performance di danza contemporanea da lui denominate "l'uomo armonico". Esse si basano sul nostro lato umano focalizzandosi su diverse emozioni. La sua pratica porta alla riscoperta di movimenti involontari e motivazioni dimenticate. Intrepido viaggiatore Won è praticante da oltre vent'anni e la sua  esperienza lo ha portato a diventare insegnante di danza con corsi in diversi paesi e continenti.

🌀Massaggio Thailandese🌀
Infine Carlo Taglia, oltre al corso di formazione per viaggiatori, praticherà il Nuad Boran, l'antico massaggio tradizionale thailandese. Esso rappresenta l’insieme di quei trattamenti il cui lavoro è eseguito lungo precise linee energetiche dette “Sen”, con la finalità di bilanciare e riequilibrare tutto il sistema energetico del nostro corpo. Affonda le sue radici nelle remote concezioni filosofiche orientali, infatti riprende parte di medicina tradizionale cinese e yoga. Le sue origini risalgono approssimativamente a 2500 anni fa, quando alcuni monaci buddisti, provenienti dall’India, si stabilirono nell’antico regno del Siam, l’odierna Thailandia. Carlo ha studiato nelle migliori scuole thailandesi e pratica da diversi anni.

Insomma una settimana condita da tanta travolgente energia per permettere ai partecipanti di proseguire al meglio il proprio percorso di vita o semplicemente per prepararsi prima di un lungo viaggio nel mondo. Se siete interessati affrettatevi a scriverci perché ci sarà un numero chiuso che va da un minimo di 10 persone ad un massimo di 20.

⛰Programma⛰
07:30 - 09:00 Yoga
09:30 - 10:30 colazione
11:00 - 12:00 contact improvisation
12:30 - 15:00 pranzo, riposo e piscina
15:00 - 17:00 danza contemporanea
18:00 - 18.30 meditazione
19:00 - 20:00 cena
20:00 - 21:30 formazione viaggiatori

A turno quattro persone al giorno riceveranno un massaggio thailandese in orari diversi tra mattino e pomeriggio.

Etna Therapy si terrà dal 3 al 9 giugno nella villa Femminamorta a Carruba, provincia di Catania, in Sicilia. I tre pasti quotidiani saranno vegetariani e saranno serviti da un cuoco che utilizzerà principalmente prodotti biologici e km 0. 

Elenco di tutto ciò che comprendono le tariffe:

- Soggiorno in una stupenda villa del ‘700 con piscina tra palme, alberi di avocado, piante di banane e manghi per 7 giorni e 6 notti.
- Colazione, pranzo e cena con menù vegetariano per 7 giorni.
- Pratica di yoga, meditazione, danza contemporanea, contact improvisation e corso di formazione per viaggiatori con vari insegnanti specializzati per 5 giorni.
- Un massaggio tradizionale thailandese.
- Escursione sul vulcano Etna con trasporto incluso.

Richiesta di iscrizione da inviare alla mail carlo.taglia.viaggi@gmail.com indicando nome, cognome, data di nascita e la motivazione per l'interesse a questa esperienza.
Nel caso di disponibilità per procedere dovrai pagare un acconto del 30% sul costo totale. L'acconto è rimborsabile solo se si trova un sostituto. In caso di troppe richieste verranno create delle nuove date verso settembre.
Grazie e Buona Vita.