Around the world trip without flights was completed March 18, 2013. But many new travel projects came and will come. Books, photos and videos of a free life dedicated to the knowledge of the amazing World where we are living.

mercoledì 31 maggio 2017

Mente e Anima

Nei miei quasi 32 anni di vita terrena ho incontrato una marea di persone proprio grazie al mio stile di viaggio che mi ha permesso di essere in continuo movimento e di conoscere infinite storie di vita. Cerchiamo spesso di dividere l’umanità in tante categorie o etichette, però, nella mia esperienza, la prima diversità di base che noto nelle persone è questa: c’è chi vive nel cuore (Anima) e chi vive nella mente. Tutti noi conviviamo con queste due entità distinte. Il frutto del nostro comportamento deriva dalla relazione che hanno tra loro queste sfere. La mente è un prodotto delle nostre esperienze terrene. Fin da quando nasciamo, l’ambiente, la realtà familiare e la nostra vita sociale condizionano la nostra mente, che assorbe esperienza. Può essere manipolata dalla società in cui si cresce. Il bombardamento di pubblicità in televisione, tra un cartone animato e l’altro, per esempio, oppure per strada. L’educazione che si riceve negli asili e nelle scuole. Il contatto con altri bambini e con i propri genitori. Il vivere nel cemento di una città o nella natura. La nostra alimentazione. Tutto questo condiziona la mente, che è la parte razionale, che cerca spiegazione a tutto. Quella che coltiva dubbi, insicurezze, paure, ma che ci serve anche per vivere in una comunità.

La mente è un prezioso strumento che deve lavorare per l’anima e non invece, come capita spesso, governare noi. Noi non siamo tutti i pensieri che passano nella mente, non identificatevi in ogni vostro pensiero. Ma osservateli dal di fuori e chiedetevi se vi appartengono o no. Poi decidete se svilupparli. Se non vi piacciono e non volete farli vostri, lasciateli fluire, non potete eliminarli, ma lasciarli andare senza dare loro valore. Con il tempo, questi pensieri bugiardi svaniranno o vi lasceranno sempre più in pace. Utilizzate un filtro che analizza quello che passa, prendendo ciò che vi piace e lasciando ciò che non vi appartiene. Il pensiero è la più grande fonte di stress, se sviluppato erroneamente o per pensieri futili. Date valore a ciò che circola nella vostra testa solo se vi porterà a qualcosa di positivo, che può essere creativo.

Noi siamo qualcosa di molto più grande di quello che crediamo, siamo Anima. Un’energia divina trascendentale connessa con l’universo, la Terra, gli animali e gli uomini. Quando parlo di divino non mi sto riferendo all’idea di un Dio cattolico come un’entità che ci deve perdonare o accettare. Voi siete già esseri divini, ne dovete solo diventare consapevoli. Se avete avuto un’esperienza negativa da bambini durante la vostra educazione religiosa, spogliatevi da questa idea, perché Dio è una straordinaria energia che potete avvertire attorno a voi. Quante persone conosco che passano le giornate a bestemmiare, frustrati dall’educazione ricevuta. Poi, però, sono lì innamorati, a rincorrere le onde nel mare, a scalare montagne o perdersi nella foresta. Questo è Dio!! La Natura è una manifestazione potente di questa energia divina. Proprio per questo, se viviamo nella natura, ritroviamo pace e un contatto con il nostro vero Io interiore, la nostra anima. È più facile riconoscere la sua voce. Mentre in una città, nel cemento e nel caos, perdiamo questo prezioso contatto, l’anima ne risente e la mente prende potere, creando pensieri complessi, rendendoci più viziosi e materialisti. Le grandi metropoli sono i cimiteri dei sogni, grandi distrazioni di massa. Soprattutto per quelli che non ne sono consapevoli.  Lì soffriamo di più perché molto spesso trascuriamo la nostra vera essenza e ci indentifichiamo nella parte razionale. L’inquinamento dell’aria e quello acustico ci rendono più vulnerabili e perdiamo ninfa vitale, quella che ritroviamo nella natura.

La mia vita è stata divisa in due fasi principali. La prima negativa, in cui vivevo nella mente e in città. La seconda è quella in cui ho iniziato a seguire il mio intuito represso, a connettermi con il cuore, grazie al viaggio e al contatto con la natura. L’educazione scolastica aveva ucciso il mio intuito con una forte oppressione. Sono diventato estremamente materialista e cercavo piacere o serenità all’esterno, continuando erroneamente a identificarmi nell’idea sbagliata che avevo di me. Il viaggio mi ha spalancato gli occhi e il cuore. Quando sono partito la prima volta ero nero e non credevo in nulla. Oggi sono solare e credo in tante energie. Il viaggio ha stimolato il mio intuito, mi ha spinto a osare e seguire di più quella voce soave, tra le altre rumorose, una voce che mi diceva di non aver paura e di seguire i miei sogni. Mi spingeva a fare qualcosa che nessun altro attorno a me aveva fatto.

Da quando ho iniziato a seguire quella voce connessa con la mia anima, la mia vita è diventata magia. Ho visto che funzionava e così ho deciso di aprirmi ancora di più e osare sempre di più. Ogni mio grande sogno è arrivato. L’anima è proprio quella voce che ti dice che devi fare questo o quello, ma non ti dà spiegazioni: tu sai solo che devi farlo, e che questa è la tua natura. Non ha dubbi, timori o insicurezze. L’anima sa. E solo quando inizi ad ascoltarla affidandoti a lei, senza troppe certezze o spiegazioni, poi ti premia. Le persone connesse con il cuore hanno gli occhi che brillano. Non basta il sorriso, tutti sanno sorridere e mentire. Ma gli occhi sono la porta dell’anima. Tante persone ho incontrato che avevano occhi splendenti. È bastato uno sguardo per capire tanto di loro e ritrovarmi in loro. La maggior parte erano persone semplici e contadini. Anime forti, per il loro stile di vita a stretto contatto con la natura divina. Loro non si fanno ingannare dall’illusione che il modello materialista occidentale sia la via per essere felici. Non hanno bisogno di nient’altro di ciò che umilmente possiedono. Queste per me sono le persone ricche, quelle che stanno bene con quello che hanno. Perché, una volta che trovi il centro del tuo Essere nella tua anima, hai tutto.

Tratto da "Vagamondo 2.0, Centro America via terra e tre anni di Esperienza".
Nuova pubblicazione di Carlo Taglia disponibile qui

INFO UTILI:
- Seguitemi anche sulle due pagine facebook:
Vagamondo oppure   Carlo Taglia
- Instagram link:
Vagamondo3
- Se ti interessa conoscere meglio la mia storia puoi leggere il mio primo libro autobiografico Vagamondo, il giro del mondo senza aerei disponibile qui
- La Fabbrica del Viaggio, il sintetico manuale del Vagamondo disponibile qui
- La versione in inglese di Vagamondo è disponibile in tutti gli Amazon store. Cercare "Vagamondo, around the world without flying"


6 commenti:

  1. L essere umano come patrimonio Dell umanita. Se non avete letto/ visto consiglio libri e film del meraviglioso Silvano Agosti.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Quanti ricordi delcentro america mi fai ritornare in mente. Ho la pelle oca. Hay nicaragua mi nicaraguita

    RispondiElimina
  4. Quanti ricordi delcentro america mi fai ritornare in mente. Ho la pelle oca. Hay nicaragua mi nicaraguita

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina