528 days, 95450 km and 24 countries. Around the world trip without flights was completed March 18, 2013. This is not a point of arrival but the beginning of a fairy tale that I will continue to tell around the world. After publishing VAGAMONDO i came back on the road. Photos, videos and stories of a free life dedicated to the travel.

sabato 22 marzo 2014

17/03 Holi Festival in Varanasi


Secondo la leggenda indiana più diffusa l’Holi festival nasce per via del principe Pralahad, figlio di un re malvagio, si rifiuta di sottostare al potere del padre fin da giovanissimo forte della sua devozione a Vishnu. Così il padre chiede alla perfida sorella Holika di portarlo nelle fiamme con lei siccome possiede dei poteri che le permettono di non bruciarsi. Holika porta il nipote in una trappola ma, ignara del fatto che i suoi poteri funzionano esclusivamente quando si trova nelle fiamme da sola, prende fuoco e il giovane Pralahad viene salvato dalle sue preghiere. Uno dei più importanti e antichi festival indiani, Holi simboleggia, oltre che la devozione, anche l’arrivo della primavera cadendo nell’ultima luna piena d’inverno. Un immensa esplosione di colori, in polvere o diluiti con acqua, invade le strade indiane travolgendo chiunque si trovi da queste parti con una grande onda di allegria.
Il mio festival è iniziato due giorni prima del giorno stabilito (17/03) assieme ai bambini di uno slum di Varanasi che mendicano ad Assi ghat. Siccome i piccoli celebrano la festività con le famiglie nei villaggi da cui arrivano mi sono unito ai volontari del Ganga Ma School Project che si occupano di dare sostegno umanitario a queste poverissime famiglie che fanno parte della peggiore casta, gli intoccabili (paria, considerati senza casta). Per molti indiani loro sono invisibili, non hanno le stesse opportunità delle altre caste e raramente gli viene dato lavoro. Il governo gli concede dei posti negli uffici pubblici ma molti di loro non riescono a premettersi di avere un istruzione. Ganga Ma School, oltre a prendersi cura di loro, ha insegnato alle madri ad usare l’uncinetto per creare borse e porta cellullari. Ha ispirato loro nella iniziativa di creare un mercatino per smettere di mendicare. Nelle foto potete ammirare la simpatia di queste tenere creature.

Scorrendo le immagini noterete il grande fuoco che viene acceso la sera prima della festa dei colori con due bamboline tra il legname. La più grande rappresenta Holika, il piccolo tra le sue braccia e il principe Pralahad. Poi inizia la festa con casse sparse per la città e balli scatenati a ritmo di terribile musica elettronica commerciale. Circolano fiumi di alcol e alcuni indiani iniziano a delirare arrivando anche a qualche rissa. La mattinata dopo esplodono i colori e l’allegria. Ci si augura un felice Holi e ci si abbraccia. I bambini si divertono con pistole d’acqua e gavettoni. Cecchini appostati dalle terrazze con secchielli lavano i malcapitati sotto la loro casa. I più grandi arrivano anche a mezzi più pesanti come la vernice. L’atmosfera è straordinaria ma purtroppo bisogna sempre stare all’allerta, soprattutto se si è donna. Nel delirio generale c’è chi ne approfitta per mettere le mani in parti intime o c’è il rischio che si precipiti in qualche forma di violenza. In ogni caso la mia esperienza è stata molto positiva e così mi è sembrato anche per le ragazze che erano con me a Varanasi. Felice primavera a tutti. Vi auguro che sia straordinaria come è stato il mio inverno indiano.









Nessun commento:

Posta un commento